Free cookie consent management tool by TermsFeed Free Privacy Policy Generator
Fino al 24/11 -5% col coupon: BLACKFRIDAY5
Made in Italy Made in Italy
Servizio clienti  0771311925
Prodotti originali 100%
Reso gratuito e facile
Pagamenti sicuri
Condividi:

Edilizia Cartongesso

Se sei alla ricerca di un prodotto che sappia essere un giusto compromesso tra costi, versatilità e rapidità di installazione allora puoi fare affidamento alle lastre di cartongesso Knauf.

Queste risultano essere molto apprezzate dagli installatori che dai clienti, in quanto proprio per le caratteristiche sopra citate(costi, versatilità, installazione) consentono di dare forma ad un’intera casa o singola stanza per la formazione di controsoffittature e pareti divisorie, che potranno essere personalizzare nella forma e negli spazi grazie ad una gestione di taglio, appunto, delle lastre di cartongesso.

Il principale componente è dato dal gesso, che sin dai tempi antichi è stato un materiale di facile estrazione. Difatti, con richiamo storico agli egizi, ne apprezzavano il suo utilizzo per essere un materiale artisticamente sensibile alla creazione delle loro opere strutturalmente architettoniche. Un esempio erano i capitelli, per poi arrivare all’era Barocca e Rococò, i cui principali utilizzatori erano in grado di ricreare dettagli sfarzosamente lussuosi, tipici ,tra l'altro, dell’epoca.

La vera prima storia che identifica la nascita di una lastra di cartongesso, risale a fine '800 nel continente statunitense, dall’Azienda Gypsum Company, che gli diede il nome di Sackett Board o lastra sand-wich, diventando poi, grazie ad una sua rapidità di installazione e accessibilità nei prezzi, uno dei principali materiali ad essere utilizzati alla fine della Seconda Guerra Mondiale, per poi atterrare in Italia a partire dagli anni ’80.

Negli anni, il cartongesso è riuscito ad acquisire, grazie all’impiego di altri materiali, sempre più proprietà. Difatti, la sua applicazione può essere rivolta per pareti:

  • ignifughe;
  • antiacustiche;
  • antimuffa;
  • idrorepellenti.

 

Nello specifico, a seconda del tipo di applicazione è stata data una lettera identificativa.

 

Ad esempio:

  • Pannello standard – A –, utilizzato per quelle opere edilizie che non richiedono particolari esigenze, avendo uno massimo di 13 mm, ed i cui principali campi di applicazione sono per pareti divisorie, mensole, librerie, cabine armadio;
  • Pannello idro-repellente – H –, ideale per tutti quei contesti in cui risulta esserci una risalita di umidità o comunque presenza di acqua. Un esempio, possono essere le cantine, scantinati, bagni o cucine. Hanno uno spessore di 13 mm.
  • Pannello per uso esterno - E –, il cui scopo è quello di essere appropriato per tutte quelle zone strutturali soggette al contatto con gli agenti atmosferici. Per ovviare a questa funzione, al gesso viene mischiato roccia vulcanica, sabbia e cemento.
  • Pannello ignifugo – F –, che differentemente dalle altre hanno una miscela di gesso semi-idratato con perlite o fibre di vetro e risultano essere resistenti alle fiamme. Hanno uno spessore di 10 mm. Il loro principale utilizzo è per Centri Commerciali, aree ad alta frequenza, ma anche per i controsoffitti alla cui prossimità ci sono corpi illuminanti.

 

Altre tipologie di pannelli, sono quelli utilizzati per l’isolamento acustico o termico, la cui composizione prevede lana di vetro o fibre tessili tecniche.

 

Knauf - Controsoffitto FEINSTRATOS BOARD 120X60 SK
Knauf - Controsoffitto FEINSTRATOS BOARD 120X60 SK 2
Knauf

€ 119,00

Spedizione Gratis
Ultimo disponibile